081 610 07 36 [email protected]

Rieccoci con un nuovo appuntamento per la rubrica Anniversari delle Interviste di Nick per l’estate del 2017. Questa volta trattiamo gli anniversari dei dischi degli anni 80. Eccoci qui a parlare degli album più importanti di questo decennio.


Bad: Michael Jackson

Ad aprire la rubrica è il cosiddetto “Re del Pop”, Michael Jackson. Musicista noto a tutti, egli è divenuto una figura eminente non solo nella cultura musicale, ma anche in quella popolare. Cantante, musicista e ballerino, si è differenziato dai suoi colleghi per avere uno stile unico ed iconico. Massimo esponente della musica Pop, è entrato nei Guinnes World Record per ben 39 volte. Ricordiamo soprattutto il primato come artista più premiato della storia e di maggior successo commerciale di sempre. Nonostante sia noto principalmente per la musica Pop, Michael ha sperimentato nel corso della sua carriera diversi generi di musica. Iniziando dal Soul, è poi passato al R&B al Funk, al Dance e al Rock.

Ha raggiunto il successo in un periodo critico per la razza nera ed ha enormemente contribuito alla diffusione della Black music. Il suo stile è stato d’esempio per molti musicisti suoi contemporanei e successivi, come Madonna, Prince e Beyoncè. I suoi videoclip sono praticamente leggenda ed anche grazie ad essi ha conquistato un popolarità come nessun altro cantante aveva mai fatto prima. Dotato di una predisposizione innata per la musica, era in possesso dell’orecchio assoluto era dotato di un’estensione di oltre 3 ottave e mezza. Inoltre era perfettamente in grado di ricoprire i ruoli di basso, baritono e tenore. Anche i suoi passi di danza sono stati visti come unici e innovativi, specialmente il moonwalk.

Famoso anche per la sua vita privata, ha sollevato varie polemiche e curiosità, specialmente sulle questioni sulla pelle e sulla sessualità.
Nonostante abbia pubblicato solo 13 album in 45 anni di carriera, ha venduto oltre 1 miliardo di dischi. Già solo Thriller, il suo più grande successo, ha venduto più di 100 milioni di copie da solo. Inserito due volte nella Rock and Roll Hall of Fame, ha anche vinto 15 Grammy Award, 40 Billboard Awards, 26 American Music Awards e 16 World Music Awards. Da molti è stato definito come l’uomo più famoso del pianeta per molto tempo.

Lo storico album che compie 30 anni è Bad. Capolavoro della musica pop, rappresenta l’ultima collaborazione fra Jackson e il suo storico produttore Quincy Jones. Preceduto da successi come Off The Wall e Thriller, l’obbiettivo di Michael era un disco da oltre 100 milioni di copie. Inizialmente si pensava di far debuttare Prince insieme a Jackson in quest’album, ma alla fine fu un niente di fatto. Bad presenta senza dubbio un tocco più duro e tagliente rispetto ai precedenti lavori. Oltre all’iconica traccia omonima del disco, vi sono brani come The Way You make Me Feel, Liberian Girl, Man in the Mirror e Dirty Diana. Un mix di Pop, Funky, Gospel e Rock. Osannato dalla critica, Bad ha venduto oltre 45 milioni di copie e vinto 13 dischi di platino. Primissimo a lungo tempo nelle classifiche, Rolling Stones lo ha classificato 202° tra i 500 migliori album di sempre.

Michael Jackson

Michael Jackson

Bad - Michael Jackson

Bad – Michael Jackson


Cloud Nine: George Harrison

Subito dopo abbiamo un’altra leggenda della musica, ossia George Harrison. Divenuto celebre come chitarra solista dei Beatles, la sua carriera è continuata anche dopo il loro scioglimento. George è sempre stato uno stimato compositore e in ogni album dei Beatles, almeno una o due tracce era opera sua. Una volta conosciuta la cultura indiana, Harrison ne fu rapito e questa influenzò anche la sua musica. In oltre 40 anni di onorata carriera, ha prodotto ben 21 album. Sia in gruppo che da solo, è entrato a far parte della Rock and Roll Hall of Fame.

A compiere il 30° anniversario quest’anno è Cloud Nine. Ultimo album dell’artista, segna il suo ritorno alla musica dopo una lunga pausa. Famosi ì i brani This is Love, When We Was Fab e la reinterpretazione di Got My Mind Set on You. Il disco fu un indiscusso successo, ma non tanto da spingere Harrison a tornare a fare tour. Poco tempo dopo insieme a Bob Dylan, Tom Petty e Roy Orbison avrebbe dato vita al supergruppo The Traveling Wilburys.

George Harrison

George Harrison

Cloud Nine - George Harrison

Cloud Nine – George Harrison


Faith: George Michael

Segue l’ultimo scomparso dell’anno scorso, George Michael. Di lui abbiamo già parlato in precedenza. Esordendo con i Wham! nel 1981, inizia la sua carriera da solista nel 1987. Con 12 album pubblicati, ha venduto oltre 100 milioni di dischi. Egli è stato vincitore di un’enorme serie di riconoscimenti come Grammy Awards, American Music Awards, Brit Awards, Capital FM Awards, MTV Video Music Awards e molti altri.

A compiere un importante anniversario è Faith. Si tratta del primo album da solista del cantante ed ha venduto quasi 20 milioni di copie. Dal disco sono stati estratti singoli come I Want Your Sex, Faith, One More Try, e Father Figure. Faith ha vinto 3 dischi d’oro, 9 di platino e 2 di diamante nonché 2 Grammy Awards. Attualmente è al 52° posto tra i migliori album degli Stati Uniti.

George Michael

George Michael

Faith - George Michael

Faith – George Michael


Hyesteria: Def Leppard

Passiamo ora ad una band ossia i Def Leppard. Fondati nel 1977, si tratta di una delle più importanti formazioni della New Waves of British Heavy Metal. Il loro stile è un concentrato di Hard Rock, Arena Rock ed Hair Metal. Il loro sound è caratterizzato dai tipici riff di chitarra melodici e dalle armonie vocali che si intrecciavano tra di loro. In 40 anni di carriera hanno pubblicato 40 album e venduto oltre 100 milioni di dischi. Secondo VH1 sono al 31° posto tra i più grandi artisti Hard Rock e al 70° tra i più grandi artisti di tutti i tempi.

Hysteria, quarto album del gruppo, compie un importante anniversario. Si tratta senza dubbio del maggior successo della band. Il disco, che doveva chiamarsi Animal Istinct, ha richiesto un lungo tempo per vedere la luce (3 anni). L’obbiettivo era di produrre un album del quale ogni traccia potesse essere una potenziale hit. Nei brani, come Loves Bites, Rocket e Gods of War, è possibile ascoltare armonie multiple migliorate dall’utilizzo delle tecniche moderne. Come fatto in precedenza, ciascun membro della formazione registrò separatamente le proprie parti. Vincitore di 20 dischi di platino e 1 di diamante, Hysteria ha assicurato ai Def Leppard una fama immortale. Con oltre 20 milioni di dischi venduti, è entrato a far parte della classifica dei 500 migliori album.

Hysteria - Def Leppard

Hysteria – Def Leppard

Def Leppard

Def Leppard


Into The Fire: Bryan Adams

Bryan Guy Adams è uno de i celebri musicisti e cantanti canadesi. Dopo aver esordito con gli Sweeney Todd nel 1976, fa il suo debutto come solista nel 78. Nel corso della sua carriera ha scritto e co-prodotto canzoni per molti altri artisti famosi, come i Kiss, Neil Diamond, Ronan Keating, Celine Dion e molti altri. Sano tantissimi i premi da lui ricevuti, come 18 Juno Awards e alcuni tra Grammy Awards ed MTV Music Awards, oltre a 58 nomination varie di cui 15 per i Grammy, 5 per i Golden Glob e 3 per gli Oscar. In oltre 40 anni ha prodotto 23 album e venduto più di 100 milioni di dischi. Oltre al successo nel mondo della musica, Adams è universalmente noto anche per essere un ottimo fotografo.

Into The Fire è il disco che compie 30 anni. Si tratta di uno dei più grandi successi commerciali dell’artista, superato solo da lavori come Reckless. Importante per la riuscita dell’album è stata la partecipazione di Sting, Peter Gabriel e degli U2 in un concerto con Adams per Amnesty Internation. In questo modo, il cantante canadese ha potuto affermare con maggior sicurezza la sua abilità di artista e compositore. I brani più significativi sono senza dubbio Heat of the Night, Hearts on Fire e Into the Fire. Con più di 4 milioni di copie vendute ha certificato 4 dischi di platino e 1 d’oro. Into The Fire si è piazzato così al 7° posto della US Billboard 200 chart.

Bryan Adams

Bryan Adams

Into the Fire - Bryan Adams

Into the Fire – Bryan Adams


The Joshua Tree: U2

Li abbiamo appena citati, perciò parliamo di loro: gli U2. Gruppo Rock fondato nel 1976, si tratta di una delle più grandi band dei nostri tempi. Il gruppo è composto da Paul David Hewson, in arte Bono (cantante), David Howell Evans in arte The Edge (chitarrista), Adam Clayton (bassista) e Larry Mullen Jr. (batterista).

La loro musica è stata influenzata da numerosi e celebri artisti, come Elvis, Bruce Springsteen, Led Zeppelin, Pink Floyd, Who, Beatles e molti molti altri. Allo stesso modo, sono tantissime le band che sono state influenzate dalla loro arte. I loro testi hanno principalmente a che fare con l’amore, la religione e la politica. In particolar modo, la questione irlandese pare essere un tema a loro molto caro. Con 40 anni di carriera, hanno prodotto 29 album e venduto 170 milioni di dischi. Sono entrati a far parte della Rock and Roll Hall of Fame e hanno vinto ben 22 Grammy Awards.

L’album che compie un importante anniversario è Joshua Tree. Considerato il più riuscito lavoro degli U2, esso approfondisce le radici della musica americana. Il disco è fortemente influenzato dal Blues, Country e Pop degli anni 50. La buona riuscita dell’album è senz’altro dovuta all’amicizia della band con Van Morrison, Bob Dylan e Keith Richards. In esso si contrappongono la critica alla politica estera americana e il fascino dei paesaggi statunitensi. Dal disco sono stati tratti singoli come With or Without You, One Tree Hill e I Still Haven’t Found What I’m looking For. Grazie a Joshua Tree gli U2 è stata una delle pochissime band a finire sulla copertina di Time. L’album ha venduto 30 milioni di copie e ha vinto decine di dischi d’oro, platino e diamante. Considerato il terzo miglior album degli anni 80, è anche al 21° posto nella lista dei 500 migliori di sempre.

U2

U2

The Joshua tree - U2

The Joshua tree – U2


Music for the Masses: Depeche Mode

Già abbiamo parlato anche dei Depeche Mode. Formati nel1980, si sono affermati attraverso il Synth Pop. Successivamente, hanno abbracciato anche generi quali il Pop rock, l’Elettropop e la New Wave. Partendo con uno stile leggero e ballabile sono poi passati ad un repertorio meno immediato e più tenebroso. In oltre 35 anni di carriera, hanno prodotto fino a 23 album e venduto oltre 100 milioni di dischi.

Nel 2017, Music for the Masses compie l’importante anniversario. Dal sound dark, questo album anticipa il successivo lavoro di maggior successo Violator. Vincitore di 1 disco d’oro e 3 di platino, si è posizionato al 35°posto della Billboard 200.

Depeche Mode

Depeche Mode

Music for the Masses - Depeche Mode

Music for the Masses – Depeche Mode


Permanent Vacation: Aerosmith

Altro gruppo già inserito nella rubrica sono gli Aerosmith. Nati nel 1970, sono tassello fondamentale della storia del rock. Il loro contributo è stato fondamentale per lo sviluppo dell’Hard Rock e dell’Heavy Metal. In 56 anni di carriera hanno prodotto ben 32 album. Vincitori di numerosi premi quali Grammy e MTV Awards, i loro dischi hanno venduto oltre 150 milioni di copie. Entrati nella Rock and Roll Hall of Fame, sono stati inseriti al 59° posto nella classifica dei 100 migliori artisti di sempre e al 2° in quella delle migliori rock band americane.

Il loro nono album, Permanent Vacation, compie 30 anni. Il disco segna una serie di svolte per la band. Innanzitutto la partecipazione al progetto di autori esterni professionale. Per secondo, è il primo lavoro discografico importante realizzato dopo il ritorno alla formazione originale. Permanent Vacation è il primo successo rivelante del gruppo dopo 10 anni, nonché vincitore di 1 disco d’oro e 10 dischi di platino.

Aerosmith

Aerosmith

Permanent Vacation - Aerosmith

Permanent Vacation – Aerosmith


Tunnel of Love: Bruce Springsteen

Passiamo ora ad un musicista diventando una leggenda vivente: Bruce Frederick Joseph Springsteen. Riconosciuto tra i migliori interpreti Rock, è considerato la perfetta sintesi tra Elvis Presley e Bob Dylan. Da questi grandi artisti è stato sempre ispirato, come altri importanti nomi inglesi quali Animals, Beatles, Who e molti altri. Il musicista ha attraversato varie fasi artistiche. Partendo ad imitazione del rock straniero, si è spinto poi verso il Soul, per poi cambiare al Folk e Country negli anni 80. Dopo un ulteriore passaggio all’Hard Rock e al Blues Rock, è passato definitivamente a sonorità acustiche e Folk.

Il suo stile ormai quasi unico viene definito come Heartland Rock. I suoi pezzi, più che canzoni, sono definiti da molti come delle autentiche storie. Non a caso, Springsteen è considerato un vero e proprio cantastorie. In 45 anni di onorata carriera, ha pubblicato ben 31 album e venduto più di 120 milioni di dischi. Tra i vari riconoscimenti da lui ottenuti ci sono 20 Grammy Awards e 1 Premio Oscar.

L’ottavo album di “The Boss”, Tunnel of Love, compie il suo 30° anniversario. Incentrato sulle problematiche della vita coniugale, il disco è una sintesi della crisi matrimoniale dell’autore. Pur non essendo uno dei lavori più importanti di Springsteen, è stato comunque vincitori di numerosi dischi d’oro e di platino.

Bruce Springsteen

Bruce Springsteen

Tunnel of Love - Bruce Springsteen

Tunnel of Love – Bruce Springsteen


Whitesnake: Whitesnake

Ultimi, ma non per importanza sono i Whitesnake. Band nata nel 1978, è stata formata da molti degli ex membri dei Deep Purple. La loro formazione è stata altalenante ed è capitato spesso che il gruppo si sciogliesse per poi riformarsi successivamente. Nonostante le problematiche, sono considerati tra i migliori esponente dell’Hard Rock e dell’Heavy Metal e hanno prodotto ben 31 album.

L’album che compie l’importante anniversario è l’omonimo Whitesnake. Si tratta del maggior successo commerciale della band, con quasi 10 milioni di copie vendute. Il disco si piazzò al 2° posto della Billboard 200 e vinse 3 dischi d’oro e ben 15 di platino. Particolarità dell’album sono le differenze tra le versioni. La versione Europea infatti ha una tracklist leggermente diversa rispetto a quella Statunitense/Giapponese. Tuttavia, per la versione Nipponica è stato scelto un titolo differente, ossia Serpens Album.

Whitesnake

Whitesnake

Whitesnake - Whitesnake

Whitesnake – Whitesnake


Come sempre, non manchiamo di citare gli altri dischi più importanti e celebri del 1987:

– Actually: Pet Shop Boys
– Big Generator: Yes
– Clutching at Straws: Marillion
– Document: R.E.M
– Eternal Idol: Black Sabbath
– Freedom: Santana
– Give Me Confidence or Give Me Death: Dead Kennedys
– Hold Your Fire: Rush
– Inside Information: Foreigner
– Joy: Paul King
– Kiss Me Kiss Me Kiss Me: The Cure
– Live in Australia with the Melbourne Symphony Orchestra: Elton John
– A Momentary Lapse of Reason: Pink Floyd
– Never Let Me Down: David Bowie
– Once Beaten: Great White
– Pride: White Lion
– Queen Live at Knebworth Park: Queen
– Rip It Up: Dead Or Alive
– Sing o’ the Times: Prince
– Tango in the Night: Fleetwood Mac
– The Uplift Mofo Party Plan: Red Hot Chili Peppers
– Who’s That Girl: Madonna


Restate in attesa del prossimo appuntamento con Anniversari. Nel frattempo, non perdete i prossimi articoli delle ” Interviste di Nick” e le prossime iniziative Sud in Sound.